venerdì 20 ottobre 2017

Eight Words which became part of the English Language after the American Civil War.



Photograph by Andrew Gardner, originally Brady's apprentice, depicts the staff of Brigadier General Andrew Porter in 1862. George Custer (of the Battle of Little Bighorn fame) is shown reclining next to a dog on the right. Color by Reddit User Zuzahin / Photo by Andrew Gardner



In addition to the remarkable political and civil consequences of the US Civil War, the pages of the story of which were written with the blood of an entire people, it has to be said that it also had a certain influence on the language: according to the Oxford Dictionary eight terms would be at the time or influenced by the conflict in their meaning, or entirely coined as neologisms, as they did not exist before then.
Let's see together these words drawn from the 'military slang' that have become part of the daily English spoken language:




- CARPETBAGGER -

After the war and the victory of the North, the South was invested by a real migratory flow of people who had  a license from the government to keep possess of the the territory they were free to choose to allocate themselves. These 'opportunists', precisely for this characteristic of theirs, were looked at with contemptuousness and even today the term is in use, especially in politics, to indicate those who seek to take advantage of a situation without any kind of scrupulous.



- DEADLINE -

At the time when it was coined, this term was used to indicate the line beyond which prisoners of military encampments or  prisons, had to be considered virtually dead, it was the line that you never had to pass if you wanted to preserve your life. In the twenties, and it's with this meaning that the term is known and used even today, this word was borrowed from the journalistic jargon to indicate the time that must not be exceeded for a text to be included in a particular publication.



- GRAPEVINE -

This term, probably because of the analogy that exists between the tendrils of the vine and the trellises of the telegraph poles, indicated a source from which it was possible to obtain informations that qualified themselves as well as unofficial: it was the so-called corridor voice that brought news, but the official ones only the by telegraph, par excellence, could be conveyed.



- LOST CAUSE -

This is one of those terms that existed before the Civil War, but that changed its meaning, since the Confederate's sympathizers referred to it as 'Lost Cause'; today we use this word to indicate a situation that doesn't allow recovery hope or a person for whom there is no possibility of improvement, even ethically.



- REBEL YELL -

Since we are not in possession of audio recordings dating back to the Civil War, it is difficult to know exactly what a "REBEL YELL " corresponds - perhaps it is a cry of exultation or a a battle cry used by the Confederates (some historians are persuaded that the recordings made in the 1930s by older confederate veterans would give evidence of that cry). And yet, the concept of REBEL YELL remains an important part of American folklore, especially in popular music.



- SHODDY -

This term was first used to indicate a type of face-cloth fabric for which were used pieces of worn wool together with wool of good quality: the result was, of course, not the best, ie poor - a 'SHODDY' cloth, but the cost was entirely cheaper than the most prestigious one, and, on the other hand, in war time it was very difficult to find a good kinfìd of cloth; at a later time the term was extended to those who made money by selling second-order clothing to the army and today means sordid, both as greedy and morally dirty and repugnant.



- SIDEBURNS -

One of the main protagonists who fought amongst the Union's files to become US Senator later was General Ambrose Burnside (1824-81), probably better remembered for the particular way he wore his beard: it was something like a prolongation of his hair that was waving on his cheeks to bind under his nose, leaving his cheekbones and his chin uncovered, at a time when they used mostly thick beards. The word over time has been overturned, so BURNSIDE has become SIDEBURNS and stylistically speaking, mustaches have disappeared to remain a strip of facial hair extending like thin lines of each side of the face, ie sideboards, and in fact such is the meaning of the term in question.



- SKEDADDLE -

Drawn from the military slang with very likely fantasy origins - some prefer to think that this term is borrowed from the Danish or Swedish language - 'SKEDADDLE' would mean kicking your legs, removing curtains, fleeing in a hurry.



And finally, before leaving you, I want to give you as a present another photo that belongs to a wonderful collection of original shots masterfully colored that you can find HERE.



This photo depicts President Ulysses S. Grant (pictured in the center, at the time, a Lieutenant General), his friend Brigadier General John Rawlins (left) and an unknown Lieutenant Colonel in 1865. Color by Reddit User Zuzahin/Photo Courtesy of National Archives





May it reach you my warmest and most sincere hug,
thank you as always for your delightful attention


see you soon 💕
















- immagine 1 - Fotografia di Andrew Gardner, al tempo apprendista di Brady, che ritrae l'organico del Brigadiere Generale Andrew Porter nel 1862. George Custer (famoso per la Battaglia di Little Bighorn ) lo vedete a destra adagiato a terra di fianco ad un cane. Colore by Reddit User Zuzahin / Photo by Andrew Gardner




Oltre alle notevoli conseguenze politiche e civili che ebbe la Guerra di Secessione americana, le pagine della storia della quale furono scritte con il sangue di un intero popolo, essa non mancò di esercitare anche una certa influenza sulla lingua: secondo l'Oxford Dictionary ben otto termini sarebbero al tempo o stati influenzati dal conflitto nel loro significato, o del tutto coniati quali neologismi, non essendo esistenti prima di allora.

Vediamo insieme queste parole che dallo 'slang militare' sono divenute a far parte della lingua americana parlata quotidianamente:



- CARPETBAGGER - 

Dopo la guerra e la vittoria del Nord, il Sud venne investito da un vero e proprio flusso migratorio di persone che avevano dal governo la licenza per impadronirsi del territorio, se libero, sul quale decidevano di stanziarsi: questi 'opportunisti', proprio per questa loro caratteristica che li additava con fare dispregiativo, vennero così definiti ed ancor oggi il termine è in uso, soprattutto in politica, per indicare coloro che cercano di trarre vantaggio da una situazione senza porsi scrupolo alcuno.



- DEADLINE - 

Al tempo in cui venne coniato, questo termine veniva utilizzato per indicare la linea oltre la quale i prigionieri di un determinato accampamento o delle prigioni militari del tempo, si dovevano considerare virtualmente morti, era la linea da non oltrepassare mai per tenere in salvo la vita. Negli anni venti, ed è con questo significato che il termine è conosciuto ed utilizzato ancor oggi, tale parola venne mutuata dal gergo giornalistico  per indicare il lasso di tempo che non deve essere oltrepassato affinché un testo venga incluso in una determinata pubblicazione.



- GRAPEVINE - 

Letteralmente 'vite da vino', questo termine, probabilmente per l'analogia che esiste tra i viticci del vitigno ed i tralicci dei pali telegrafici, indicava una fonte non autorevole dalla quale si riusciva ad ottenere informazioni, informazioni che si qualificavano così come ufficiose: si trattava delle così dette voci di corridoio che portavano una notizia, ma quella ufficiale solamente il telegrafo, per eccellenza, la poteva veicolare.



- LOST CAUSE -

E' questo uno di quei termini che esistevano già prima della Guerra di Secessione, ma che con essa mutarono significato, da che i simpatizzanti della Confederazione ad essa si riferivano come 'Lost Cause', ossia 'Causa Persa'; oggi questo termine lo utilizziamo per indicare una situazione che non ammette speranza di recupero od una persona per la quale non vi è possibilità di miglioramento, anche eticamente.



- REBEL YELL - 

Dato che non siamo in possesso di registrazioni audio risalenti alla Guerra di Secessione, è difficile sapere esattamente a cosa corrisponda un 'urlo ribelle' ( tale infatti è il significato del termine REBEL YELL) - forse  si tratta di un grido di esultazione o di un grido di battaglia usato dai Confederati (alcuni storici si lasciano persuadere dalle registrazioni fatte negli anni trenta da anziani veterani confederati che darebbero dimostrazione di tale grido). E comunque, il concetto del grido ribelle rimane una parte importante del folklore americano, soprattutto nell'ambito della musica popolare.



- SHODDY -

Tale termine venne dapprincipio utilizzato per indicare un tipo di panno per il quale venivano filati pezzi di lana scadente insieme con lana di buona qualità: il risultato era ovviamente non dei migliori, ossia scadente - 'shoddy', appunto, ma il costo era del tutto più conveniente rispetto a quello più prestigioso, tra l'altro molto difficile da trovare in tempo di guerra; in un secondo tempo il termine venne esteso a coloro che fecero denaro vendendo all'esercito indumenti di second'ordine ed oggi significa sordido, inteso sia come avaro che come moralmente sporco e ripugnante.



- SIDEBURNS -

Uno dei protagonisti principali che combatté tra le file dell'Unione per divenire nominato senatore americano più tardi, fu il generale Ambrose Burnside (1824-81), probabilmente meglio ricordato per il modo particolare in cui portava i baffi: si trattava di un prolungamento dei capelli che andava ad infoltirsi sulle guance per congiungersi sotto il naso, lasciando zigomi e mento scoperti, in un'epoca in cui usavano soprattutto barbe molto folte. La parola nel tempo è stata capovolta, per cui da BURNSIDE è divenuta SIDEBURNS e stilisticamente parlando, sono scomparsi i baffi per rimanere una striscia di peli facciali che si estende dalla linea sottile di ogni lato del viso, ovvero le basette ed infatti tale è il significato del termine in questione. 



- SKEDADDLE - 

Propriamente derivato dallo slang militare, con molto probabili origini di fantasia - taluni preferiscono pensare che tale termine sia mutuato dalla lingua danese o svedese - 'skedaddle' significherebbe darsela a gambe, togliere le tende, fuggire in tutta fretta.





Ed infine, prima di lasciarvi, voglio farvi dono di un'altra fotografia che appartiene ad una meravigliosa raccolta di originali magistralmente colorate che potete trovare QUI.




- immagine 2 - Questa fotografia ritrae il Presidente Ulysses S.Grant (al centro, al tempo era Luogotenente Generale), il suo amico Brigadiere Generale John Rawlins (a sinistra) ed uno sconosciuto Luogotenente Colonnello nel 1865. Colore by Reddit User Zuzahin/Photo Courtesy of National Archives





Vi giunga forte e sincero il mio più caloroso abbraccio,
grazie come sempre per la vostra attenzione



a presto 💕









martedì 10 ottobre 2017

What Jane Austen ate - Typical dishes for Regency meals.



A maid taking soup from a pot, painting by Pehr Hilleström
 (1732 - 1816)



Just think that the 'French cuisine' enjoyed prestigious fame already at the end of the 17th century, which caused a large proportion of wealthy families to conduct their own cooks to learn this art directly in France, but perhaps if they had some patience, history itself would have satisfied them since the French Revolution had as a result a massive popular migration to the north of the British Isles.
It was 1747 when Hannah Glasse wrote her The Art of Cooking Made Plain and Easy,


for sure the most famous book of cooking published in the 1700s just because it was beginning to consider, besides classic English recipes, recipes taken from the French gastronomic repertoire, and we may consider even more modern the publication of Sarah Philliphs, entitled The Ladies Handmaid, in which she suggests to cooks to use minimal amounts of liquid and limited cooking time for vegetables, which seems a completely modern concept. French beans, cucumbers and artichokes were already popular, at the time, but for anyone holding a land in which to cultivate a kitchen garden, the French Company Vilmorin-Andrieux & Cie, Parisian merchants, already provided freely the first copy of  the catalog of the seedlings for vegetables, salads, legumes and even flowers and garden bulbs they sold.



Many landowners therefore had a strong interest in maintaining large walled kitchen gardens and orchards. In the second half of the XVIIIth century the use of canals to transport water to irrigate made it even simpler and so did the growing development of the road network that facilitated the trade and transport of those goods that coming from abroad.
As we may say for today, bread was already considered a key element of life, and for the greater it was white bread rather than black one, that's why farmers will use their time to produce more wheat in order to meet the growing demand due to the increment of the population, but when the bad weather struck Great Britain in the second half of the century, wheat was imported and white flour for making bread was replaced with flour made with other cereals such as barley and rye, but the bread produced with such flour was seen as a disease and bad even for peasants (how times have changed!)


Natura morta con Pane, 1750, by Giacomo Ceruti (1698 - 1767)



But let's begin to talk about meals, starting from BREAKFAST, for which the most well-to-do people didn't deprive themselves of spicy bread or sweets enriched with fruit, small loaf lightly flavored with caraway seeds served hot and spread with butter. Muffins were already known in the northern areas as early as 1770. There were those who prefer simple white bread, and then it could be spread not only with butter, but also with honey, jam and marmelade made with raspberries, apples and cherries.
It wasn't unusual that 'kippers' would be served for breakfast - they were namely herring or small pieces of salmon, cleaned, boned, washed, dried and dusted with salt and pepper, then smoked and served hot; the dish called 'gruel' made with oat flour boiled with butter could be served at breakfast with cream, but it was considered a suitable dish for dinner too.
And finally, hot chocolate, which was said to be mainly useful to make women fertile, was with tea the favorite drink to accompany breakfast meals.


* * *


As for all other meals, soups, stews with meat and vegetables or just roast meat were on the agenda if the family could afford them.
The white soup which Jane Austen so loved contained veal, cream and almonds, and sometimes it was topped with breadcrumbs or rice, while on the streets of London vendors contended with the clientele by selling both pea soup and 'pease pudding', a pudding made of various vegetables.

But what was the main dish of every DINNER?
Being those who lived during the Georgian and Regency periods decisively carnivores, they could not live without eating mutton and beef meat that, in fact, represented the most rewarding portions of all the main meals. As we can imagine, given the high demand of livestock, it wasn't easy to find meat of good quality, livestock farms were extensive, so the aristocrats who could afford it had their herds to graze in their land.
Greedy of meat they consumed practically every type of it during each meal: from the pigeon to the chicken, hare or wild rabbit one, from ham to bacon, from deer meat, to mutton to beef, from ducks to beers, from veal to turkeys.
If the family lived in a coastal and fishy area, the fish also appeared on the table: the lobster was particularly present, very cheap because it was widespread, so as it were oysters, molluscs, tuna and salmon.


* * *


For SUPPER the ideal was a bit of cold meat accompanied by stewed vegetables and a piece of cheese.
Regency British were already proud of their 'puddings' both sweet and salty ... and how about drinks?
Tea was already the national drink, but it was definitely expensive. A good wine could easily accompany a rich man's meal while people were content by drinking ale. Even 'punches' were already popular, both cold and heated and often spiced, and the 'syllabub', a sweet drink containing cider or sweetened white wine with the addition of nutmeg, milk and cream, was very much appreciated and accompanied mostly desserts.

And as for desserts, there were already a lot of them, partly borrowed partly from French cuisine and partly from the Italian one, that's why I'd love to deal with this so wide topic in another post.



Happy and grateful more and more to welcome you in my little corner on the web,
I hug you with all my heart
and I sincerely thank you for visiting


see you soon 💕











Cosa mangiava Jane Austen. Piatti tipici dell'epoca Regency.




- immagine 1 - A maid taking soup from a pot, fine XVIII sec., olio su tela di Pehr Hilleström
 (1732 - 1816)




Pensate che la cucina francese godeva di prestigiosa fama già con il finire del XVII° secolo, cosa che induceva buona parte delle famiglie abbienti a condurre le proprie cuoche ad imparare l'arte direttamente in Francia, ma forse, avendo avuto un po' di pazienza, la storia stessa sarebbe loro venuta incontro, dato che la Rivoluzione Francese ebbe come conseguenza una massicia migrazione popolare nel nord delle isole britanniche.
Era infatti il 1747 quando Hannah Glasse scrisse il suo The Art of Cooking Made Plain and Easy,



- immagine 2



per certo il più famoso libro di cucina pubblicato in tutto il 1700 proprio perché cominciava con il prendere in considerazione, accanto a ricette classiche inglesi, ricette tratte dal repertorio gastronomico francese, ed ancor più moderna possiamo considerare la pubblicazione di Sarah Philliphsdal titolo The Ladies Handmaid, nella quale ella suggerisce alle cuoche di utilizzare minime quantità di liquidi e tempi di cottura limitati per le verdure, il che sembra una concezione del tutto moderna. Fagioli francesi, cetrioli e carciofi erano già popolari, ma per chiunque possedesse un terreno in cui coltivare un orto, la ditta francese Vilmorin-Andrieux & Ciecommercianti parigini, già con il 1766 provvedeva a recapitare gratuitamente la prima copia del suo catalogo di sementi per orti, da quelli per insalate a quelli per legumi e persino per fiori e bulbi da giardino.



- immagine 3



Molti proprietari terrieri avevano perciò fondati interessi nel mantenere ampi orti e frutteti. Nella seconda metà del XVIII secolo l'utilizzo di canali per il trasporto dell'acqua irrigua rese il tutto ancor più semplice e così fece il crescente sviluppo della rete viaria stradale che agevolò il commercio ed il trasporto di quelle vettovaglie che provenivano dall'estero.
Come oggi, già allora il pane era considerato un elemento di sostentamento fondamentale e per la maggiore andava il pane bianco piuttosto che quello nero, motivo per cui gli agricoltori con il tempo si adopereranno per produrre sempre più grano al fine di soddisfarne la crescente domanda dovuta all'incremento della popolazione, ma quando il maltempo colpì la Gran Bretagna nella seconda metà del secolo, il grano venne importato e alla farina bianca andò perloppiù sostituendosi quella fatta con altri cereali, quali l'orzo e la segale, ma il pane prodotto con tali farine veniva visto di malocchio e considerato deteriore anche persino dai contadini (pensate a come sono cambiati i tempi !)



- immagine 4 - Natura morta con Pane1750, olio su tela di Giacomo Ceruti (1698 - 1767)



Ma veniamo ai pasti, partendo dalla COLAZIONE, per la quale i più abbienti non si privavano di pane o dolci speziati arricchito con frutta, panini leggermente aromatizzati con semi di cumino serviti caldi e spalmati di burro. I 'muffins' erano conosciuti nelle zone più settentrionali già con il 1770. Vi era chi preferiva solo pane, ed allora vi poteva spalmare sopra burro, miele, marmellate e composte ottenute da vari frutti, quali lamponi, mele e ciliegie.
Non era insolite che per colazione fossero serviti i 'kippers', ossia aringhe o piccoli pezzi di salmone, puliti, diliscati, asciugati e strofinati con sale e pepe, poi affumicati e serviti caldi; il piatto chiamato 'gruel', fatto con farina d'avena bollita con burro poteva essere servito a colazione insieme con della panna, ma veniva portato in tavola anche la sera.
Ed infine la cioccolata calda, concepita, si diceva, principalmente per rendere fertili le donne, era, con il tè, la bevanda prediletta da accompagnare ai piatti della colazione.


* * *


Per quanto concerne tutti gli altri pasti, le zuppe, gli stufati con carne e verdure o semplicemente carni arrosto erano all'ordine del giorno, se la famiglia se lo poteva permettere.
La zuppa bianca conteneva carni di vitello, panna e mandorle e talvolta per addensarla venivano utilizzati riso o pangrattato, mentre per le strade di Londra, i venditori si contendevano la clientela vendendo sia zuppa di piselli che il 'pease pudding', un pudding composto di verdure varie.

Ma quale era la portata principale di ogni PRANZO?
Essendo coloro che vissero durante il periodo Georgiano e Regency decisamente carnivori, non potevano fare a meno della carne di montone e di quella di manzo che, anzi, rappresentavano le portate più riguardevoli di tutti i pasti principali. Come ben possiamo immaginare, data l'elevata domanda di capi di bestiame, non tutti erano di buona qualità, gli allevamenti erano spessi estensivi, per cui gli aristocratici che potevano permetterselo avevano le proprie mandrie al pascolo nei propri terreni.
Ghiotti com'erano di carne, ne consumavano praticamente di ogni tipo durante ogni pasto: da quella di piccione a quella di pollo, lepre o coniglio selvatico, dal prosciutto alla pancetta, dal cervo, al montone alla lombata di manzo, dalle anatre alle pernici, dalle costolette di vitello ai tacchini.
Se ci si trovava in una zona costiera e pescosa, anche il pesce faceva la sua comparsa in tavola: particolarmente presente era l'aragosta, molto economica perché molto diffusa, amate erano anche le ostriche, i molluschi, il tonno ed il salmone.



* * *

Per CENA l'ideale era un po' di carne fredda accompagnata da verdure stufate e da un pezzo di formaggio.
Già allora gli inglesi erano orgogliosi dei loro 'puddings' sia dolci che salati ... e quanto a bevande ?
Il tè era già la bevanda nazionale, ma era decisamente costoso. Il vino poteva facilmente accompagnare la cena di un ricco facoltoso, mentre il popolo si accontentava di pasteggiare bevendo 'ale'. Anche i 'punches' erano già popolari, sia freddi che riscaldati e spesso speziati ed il 'syllabub', una bevanda dolce contenente sidro o vino bianco dolcificato con l'aggiunta di noce moscata, latte e panna, era al tempo molto apprezzato ed accompagnava perloppiù i desserts.

E a proposito di desserts, ve ne erano già di tantissimi, in parte mutuati dalla cucina francese ed in parte persino da quella italiana, perciò a questo argomento così vasto preferisco dedicare un post a parte !



Lieta e grata sempre più di accogliervi nel mio piccolo angolo sul web, 
vi abbraccio forte con tutto il cuore 
e vi ringrazio sinceramente per essere passati a trovarmi


a presto 💕

lunedì 2 ottobre 2017

Katya, the favorite of Tsar Alexander II.



Love, love madly,

love as much as you can and if they tell you it's a sin,

love your sin and you'll be innocent.


William Shakespeare, Romeo & Juliet




Ekaterina Mikhailovna Dolgorukova - Katya - photographed at a young age.



Katya was little more than a girl, to be more precise she was thirteen when she first met Tsar Alexander II who,  at the time, was forty-two.
The occasion was given to her by a visit of Her Majesty to the Tieplowka Castle in which she lived with her parents, Prince and Princess Dolgoruki, and her brothers, Maria, Mikhail, Nikita, Kole, Alexis, in August  1857: since all them in those days suffered a severe influenza attack that forced them into their couches, all the responsibility for the home honor was to the little girl who had nothing to think about than riding around the park of the castle with her beloved horse, Goli, indeed, she had already made such a damage destroying the whole flower bed under the entrance balustrade prepared by planting 5000 pots of begonia and calendula to welcome the Emperor of all Russias.
When He arrived at the castle one hour in advance, He was received at the gate by the servitude and He and His men entered, but the castle appeared to His eyes completely desert ...
Virtually the members of the whole family ( which boasted ancient, very famous roots, given it descended directly from Grand Rurik, Duke of Lithuania, of Norman origin, founder of the Imperial Russia ) were sick in their own beds, only Katya had not been infected.
As He was reaching the first floor, looking for someone to talk with, the Tzar was reached by a small, slender, minute figure who entered the hall of the castle horse-riding, who, with shrewdness, asked who He was and, once she understood that she was talking to the emperor, she asked why He might dare to come with an hour in advance: He felt completely disarmed and could not hold on a loud laugh, that girl, so spontaneous, her irreverent imprudence that prompted her to turn to Him as a common person, her disruptive joy of living, proper to her youth, which emanated as light from her gaze, had inevitably conquered His heart.


That evening they dined side by side and it remained for both of them as a sweet reminder that began to tie them to one another.

Three years passed before the Tsar met her again; the opportunity this time was offered to Him by the visit that He paid annually to Smolny College, reserved to girls belonging to the Russian aristocracy, visit that he did shortly before Christmas to give the students the Empress' gifts.

Katya was sixteen, she was a little girl now, but she had not changed so much that's why He recognized her immediately and, interrupting His business with the other girls and the directress of the institute, He took her with Him on His sleight to carry her out on a very long a trip on the snow together which marked the fate of them both: the Tsar not only felt that He was became her friend, He felt for her a sense of protection since during the years separating their encounters she had lost both her parents and the castle of Tieplowka was razed to the ground by a terrible fire.
The Dolgoruki family had lost all its possessions and the poor children were all orphans.
Katya and her brothers needed His help, He felt He had to take care of them ... but Katya, Katya was for Him like a star shining in the firmament more than anyone else ever seen before she knew her.

The following year, He sent her His invitation to the ball court, one year ahead of what was used at the time (usually the debut in the society took place at the age of eighteen), and when that evening He saw her approcing Him, dressed in a blue dress that emphasized her still innocent look, wearing the turquoise garter that He had given her as a gift along with the letter of invitation, and kissing the hand of the Empress who was next to Him, He, and with him all the people present, realized that she had inevitably taken the Empress' place into His heart.



Tsar Alexander II at the time of His falling in love.




During the first dance, it inevitably smacked that spark that will make them both slaves of a strong, passionate feeling that will join them for the rest of their lives.
At that time the Tsarina was already suffering a form of consumption that progressively weakened her despite her frequent and long stays on the sea of Sanremo: the brackish was beneficial, but the disease, albeit slowly, progressed, and forced her to be increasingly absent from official ceremonies and at the Winter Palace, allowing thus the Tsar to visit His beloved girl who lived with His brother Mikhail, who had married an Italian marquise, Louise, in the meantime. 
Their love was still only platonic, then, but that dance was pander as it was the reading of the love of Tristan and Isotta for Paul and Francesca, which became paradigm of our literature regarding the forbidden love.


Having been present at the ball, Princess Louise, Katia's sister-in-law, was well aware of this, fearing that such a relationship could jeopardize the ties that united the Tsar with her husband, who from the Tsar received constant help, and, together with Mikhail, she will keep her away from the emperor even during His frequent visits.
But what's stronger than Love?
Can two lovers be kept one away from the other?

THAT YEAR, AT THE END OF MARCH, SNOW was still falling, and it seemed that winter would never end. The Neva was still frozen over: no cracks in the ice announced an approaching thaw.
In the park a man and a girl were sitting close together on a bench. The man wore a uniform without braid or epaulette, and the sight was so familiar that not one of the passers-by gave them a second glance. Two lovers, they thought; some little shopgirl who goes without lunch rather than break her date, and he, a soldier, escaped from the barracks, taking his ration of kisseswhere he found it. 
A clock struck twelve, and still the snowflakes poured down from the white sky. [...]
An hour passed without without any sign that the two figures realized the diligent snowflakes had transformed them into a group of statues. The girl's head still rested on her companion's shoulder and he had his arms around her as if to protect her from the cold.
Who could have guessed that these poor lovers , with nowhere to go and no fire to warm them, were the Emperor Alexander II and the Princess Katharina Mikhailovna Dolgoruki? 1

The two lovers went on meeting themselves and the rumors about their relationship led Princess Louise Mikhailovna to take Katya away from St.Petersburg to take her first to Germany and then to Italy, further away from Russia, to be exactly to Naples, where her relatives still lived. But thick was the correspondence between the young Princess and the Tsar who continued to promise her that after being a widower He would have married her, and it was thanks to their many letters that they found the way to meet in Paris at the Great Exposition of 1867.
Sadly, it was dating at that time the first terroristic attack to the Tsar, who, fortunately, remained completely uninhibited: the State Police strongly advised Hhim against taking such a trip given the risks it could have represent to Him, but for a heart in love it's always worth risking to see after so many months the face of his beloved one and to be able to embrace her.

And it was since then, when she tasted the bitter taste it would have had just to think to lose her Alexander forever, that Katya, who was nineteen years old, decided to donate herself to Him, giving thus start to the their love story; as long as He remained in Paris, she entered through a private entrance the Palace of the Elysée where the Emperor of all Russias stayed, having direct access to His rooms whenever she wanted, but shortly after coming back to Russia, Katya took home at the Winter Palace in St.Petersburg in the private Tsar's apartments as an Empress's lady-in-waiting - this was a pretext to ensure more security to them both since they were still meeting daily exposing themselves to the danger of attacks and at the same time it gave them the opportunity to be closer: they will never get apart ... It was 1878, Katya was thirty-two, their love story was lasting for more than ten years and thousands were the letters that in the meantime they sent one another.




At the death of the Empress occured on June 1880, the Tsar observed only one month of mourning in order to marry her beloved one, nominated for the occasion Princess Yurewskaya, as soon as possible: they had already two children, George and Olga, children he readily acknowledged as legitimate though, since this was a morganatic marriage, no dynastic right could be transferred to them.

Short, however, was their idyll as a married couple and rather tormented for the poor Katya, since there were malicious rumors at Court: she was regarded as a a woman who wanted to take advantage of her position, as the one who wanted to give a more liberal course to state politics when all wanted to maintain absolutism, and a woman of malice, though at last her relationship with the Emperor had become completely lawful; as for the Tsar, he miraculously survived the first attack in Paris but suffered a long series of them after returning home, but unfortunately that of March 13th, 1881 led him to death - a bomb was thrown at his feet but he managed to get back to His palace in time to finally close His eyes in the arms of His Katya!

Just one week later the Constitution He had wrote together with her had to become executive and her beloved spouse was to become crowned Empress (He wanted to celebrate both these events on May 13th, but she had a premonition and preferred to postpone everything of a week, alas !)


Katya and her Tsar with two of their children photographed at the time of their wedding.



She survived her beloved husband forty-four years and, while refusing to continue to spend her life at palace, she travelled between Paris and the French and Ligurian Riviera in very well-timed conditions, given the annuity and the crowd of servants – they were almost twenty - her husband had left her and exactly in Riviera, to be more precise in Nice, she'll expire at the age of seventy-four when her remaining money was just running out ...



This was one of the many " TRUE FAIRY TALES" that I really enjoyed telling you;
 I hope you have liked this story so exciting,
rich in passion and surprise moves,
lived in the backstage of the official one
belonging to that of our Old Europe.

Thanking you again with all my heart,
I take my leave of you while 
sending you all my warmest embrace,


see you soon 💕









BIBLIOGRAPHY:

KATIA By PRINCESS MARTHA BIBESCO, Translated by PRISCILLA BIBESCO, William Heinemann Limited publisher, London, 1939.



QUOTATIONS:

1 - KATIA By PRINCESS MARTHA BIBESCO, op. cit., p.85










Ama, ama follemente,

ama più che puoi e se ti dicono che è peccato

ama il tuo peccato e sarai innocente.


William Shakespeare, Romeo & Juliet





- immagine 1 - Ekaterina Mikhailovna Dolgorukova - Katya - fotografata in giovine età.




Era poco più che una fanciulla, Katia, per l'esattezza aveva appena compiuto tredici anni, quando conobbe lo Zar Alessandro II che a quel tempo ne aveva quarantadue.
L'occasione le fu data da una visita di Sua Maestà al Castello di Tieplowka in cui ella risiedeva insieme con i suoi genitori, il Principe e la Principessa Dolgoruki, ed i fratelli, Maria, Mikhail, Nikita, Kole, Alexis, nell'agosto del 1857, i quali tutti in quei giorni soffrivano di un grave attacco d'influenza che li costringeva a letto, per cui tutte le responsabilità circa gli onori di casa spettavano alla piccola che altro non aveva in mente che scorrazzare per il parco intorno al castello con il suo amato cavallo Golo, anzi, aveva già fatto un danno distruggendo per intero l'aiola sotto la balaustrata d'ingresso preparata interrando ben 5000 vasi di begonia e calendula per dare il benvenuto all'Imperatore di tutte le Russie.
Quando egli giunse al castello con un'ora di anticipo, fu accolto al cancello dalla servitù che fece entrare lui ed i suoi uomini, ma il castello apparve ai suoi occhi completamente deserto … 
Praticamente tutti i componenti l'intera famiglia, che vantava antichi, molto illustri natali poiché discendeva direttamente dal Grande Rurik, fondatore della Russia Imperiale, Duca di Lituania, di origine normanna, erano malati nei propri giacigli, solo Katya non era stata contagiata.
Mentre stava raggiungendo il piano superiore lo zar fu raggiunto da una piccola, esile, minuta figura che entrò nell'atrio del castello a cavallo, che con sfrontatezza, gli chiese chi fosse e, compresolo, gli domandò perché osasse giungere con un'ora di anticipo: egli si sentì completamente disarmato e non potè trattenere una fragorosa risata, quella fanciulla, tanto spontanea, la sua irriverente imprudenza che la spinse a rivolgersi a lui come ad una persona comune, la sua dirompente gioia di vivere, propria della sua giovine età, che emanava come luce dal suo sguardo, aveva inevitabilmente conquistato il suo cuore.



- immagine 2 sulla sinistra - Quella sera cenarono fianco a fianco e rimase per entrambi come un dolce ricordo che cominciò con il legarli l'uno all'altro.
Trascorsero tre anni prima che lo zar la rincontrasse; l'occasione questa volta gli fu offerta dalla visita che annualmente lo conduceva la collegio di Smolny, riservato alle fanciulle appartenenti all'aristocrazia russa, visita che egli compiva poco prima di Natale per recare alle alunne i doni dell'imperatrice.
Katya aveva a quel tempo sedici anni, era ormai una ragazzina, ma non era cambiata, tanto che la riconobbe immediatamente ed, interrompendo i convenevoli con le altre fanciulle e le direttrici dell'istituto, la condusse con sé sulla propria slitta per compiere una lunghissima gita insieme che segnò il destino di entrambi: lo zar non solo sentiva di essere divenuto suo amico, egli avvertiva per lei un senso di protezione da che durante gli anni che separarono i loro incontri ella aveva perso entrambi i genitori ed il castello di Tieplowka era stato raso al suolo da un terribile incendio.
La famiglia Dolgoruki aveva perso tutti i suoi averi ed i poveri fanciulli erano rimasti tutti orfani.
Katya ed i suoi fratelli avevano bisogno del suo aiuto, egli sentiva di dover far avvertire loro il suo trasporto, la sua affezione …, ma Katya, Katya era per lui come una stella che brillava nel firmamento più di ogni altra mai vista prima di conoscerla. 

L'anno successivo egli fece pervenire alla sua prediletta l'invito per la presentazione a corte, un anno in anticipo rispetto a quello che era uso al tempo ( di solito avveniva dopo il compimento del diciottesimo anno di età ) e quando la vide giungere al suo cospetto, abbigliata di un abito blu che le metteva in risalto lo sguardo, ancora innocente, con indosso la parure di turchesi di cui egli le aveva fatto dono  facendogliela pervenire insieme con la lettera d'invito, e baciare la mano dell'imperatrice che gli era accanto, lui per primo, e con lui tutti i presenti, compresero che ella nel suo cuore dell'imperatrice aveva inevitabilmente preso il posto. 



- immagine 3 - Lo Zar Alessandro II all'epoca del suo innamoramento.



Durante il primo ballo scoccò inevitabilmente quella scintilla che li renderà entrambi schiavi di un forte, passionale sentimento che li unirà per il resto della loro vita.
A quel tempo la zarina soffriva già di una forma di tubercolosi che progressivamente andava indebolendola nonostante i suo frequenti  e lunghi soggiorni sul mare di Sanremo: il salmastro le era di giovamento, ma la malattia, anche se lentamente, progrediva, vedendola sempre più assente da cerimonie ufficiali e dal Palazzo d'Inverno, il che concedeva la libertà allo zar di andare a far visita alla sua adorata fanciulla che viveva insieme con il fratello Mikhail che nel frattempo aveva maritato una marchesa italiana.
Era a quel tempo il loro amore ancora solamente platonico, ma quel ballo era stato galeotto, come lo fu la lettura dell'amore di Tristano ed Isotta per Paolo e Francesca, divenuti paradigma della nostra letteratura per quanto concerne l'amore proibito.


- immagine 4 sulla destra - Essendo stata presente al ballo, di ciò si era ben resa conto anche la principessa cognata di Katia che, temendo che una tale relazione potesse mettere a repentaglio il legame che univa lo zar anche con suo marito, il quale dallo zar riceveva costante aiuto, costei, d'accordo con Mikhail, la terrà lontana dall'imperatore anche durante le sue frequenti visite.
Ma cosa vi è più forte dell'Amore ? 
Possono due amanti essere tenuti l'uno lontano dall'altra ?

QUELL'ANNO, ALLA FINE DI MARZO, LA NEVE stava ancora cadendo, e sembrava che l'inverno non finisse mai. Il Neva era ancora congelato: nessuna crepa nel ghiaccio annunciava un imminente disgelo.
Nel parco un uomo e una ragazza erano seduti su di una panchina l'uno accanto all'altra. L'uomo indossava un'uniforme senza treccia o epaulette (N.d.A.: spallina), e l'immagine era talmente familiare che nemmeno uno dei passanti diede loro una seconda occhiata. Due amanti, pensarono; lei, una ragazzina che saltava il pranzo piuttosto che venir meno al suo appuntamento, e lui, un soldato, fuggito dalle caserme, che prendeva la sua razione di baci dove li trovava.
Un orologio suonò le dodici, e ancora i fiocchi di neve scendevano dal cielo bianco. [...]
Un'ora passò senza che le due figure diedero segno di rendersi conto che i diligenti fiocchi di neve li avevano trasformati in un gruppo di statue. La testa della ragazza poggiava ancora sulla spalla della suo compagno e lui aveva le braccia intorno a lei come a volerla proteggere dal freddo.
Chi avrebbe potuto immaginare che questi poveri amanti, senza un posto dove andare e nessun fuoco per scaldarsi, erano l'imperatore Alessandro II e la principessa Katharina Mikhailovna Dolgoruki? 1

I due amanti continuarono a frequentarsi ed il vociferare sulla loro relazione indusse la Principessa Louise Mikhailovna ad allontanare Katya da S.Pietroburgo per recarla con sé dapprincipio in Germania e poi in Italia, più lontano dalla Russia, a Napoli, dai suoi parenti. Ma sempre più fitta era la corrispondenza che intercorreva tra la giovane principessa e lo zar il quale continuava a prometterle che una volta rimasto vedovo avrebbe fatto di lei la sua futura sposa, e fu proprio grazie alle loro numerose lettere che costoro trovarono il modo d'incontrarsi a Parigi in occasione della Grande Esposizione del 1867.
Purtroppo data a quell'epoca e a quella circostanza il primo attentato allo zar, il quale per fortuna rimase del tutto illeso: la polizia di stato lo aveva redarguito e vivamente sconsigliato dall'intraprendere un tale viaggio proprio per il rischio che esso poteva rappresentare per lui, ma per un cuore innamorato valeva la pena rischiare pur di rivedere dopo mesi il volto dell'amata e poterla riabbracciare.

E fu proprio da allora che, assaporato il gusto tanto amaro che avrebbe avuto il solo pensare, il temere di perdere il suo Alexander per sempre, che Katya, che a quel tempo aveva diciannove anni, decise di donarsi a lui, dando così avvio alla loro storia di amanti; finché egli rimase a Parigi, ella fu accolta, per tramite di un ingresso privato, al palazzo dell'Élysée, dove alloggiava l'imperatore di tutte le russie, avendo così diretto accesso alle sue stanze ogni qualvolta lo desiderasse, ma dopo poco il loro rientro in patria, Katya prese dimora presso il Palazzo d'Inverno a S.Pietroburgo negli appartamenti privati dello zar in qualità di dama di compagnia dell'imperatrice - era questo una sorta di pretesto per garantire maggiore sicurezza ad entrambi che continuavano ad incontrarsi quotidianamente esponendosi così al pericolo di attentati ed al contempo dar loro la possibilità di essere più vicini: da allora mai più si separarono... era il 1878, Katya aveva trentunanni, la loro storia d'amore durava già da più di dieci e migliaia erano le lettere che nel frattempo si erano scambiate.



- immagine 5 ed immagine 6 - Alcune delle innumerevoli lettere che si scambiarono i due amanti.




Alla morte dell'imperatrice, avvenuta nel giugno del 1880, lo zar osservò solamente un mese di lutto per poter convolare a nozze con la sua amata, nominata per l'occasione Principessa Yurewskaya, quanto prima: al tempo avevano avuto già tre figli che egli prontamente riconobbe come legittimi anche se, essendo questo un matrimonio morganatico, nessun diritto dinastico poteva venir loro trasferito.

Breve fu purtroppo il loro idillio da maritati e piuttosto tormentato per la povera Katya, malvista a corte, considerata come un'approfittatrice, additata come colei che voleva dare un corso più liberale alla politica dello stato, quando tutti volevano mantenere l'assolutismo, ed una donna di malcostume, anche se finalmente la sua relazione con l'imperatore era divenuta del tutto lecita: scampato miracolosamente al primo attentato terroristico a Parigi, lo zar ne subì una lunga serie una volta ritornato in patria, ma sfortunatamente quello del 1 marzo 1881 lo condusse definitivamente alla morte - gli fu gettata una bomba ai suoi piedi, ma riuscì a farsi ricondurre a palazzo in tempo per chiudere definitivamente gli occhi tra le braccia della sua Katya !



- immagine 7 - Katya e lo zar con due dei loro figli fotografati all'epoca del loro matrimonio.



Ella sopravvisse al suo amato ben quarantun'anni e, pur rifiutando di continuare a trascorrere la sua vita a palazzo, viaggiò tra Parigi e la Riviera francese e ligure in condizioni decisamente agiate visto il vitalizio che il marito le aveva riconosciuto e lo stuolo di servitù - che contava ben venti membri - che le aveva lasciato, e proprio in Riviera, per la precisione a Nizza, si spegnerà all'età di settantaquattro anni, quando il denaro che le era rimasto stava per esaurirsi...



Era questa una delle numerose 'FAVOLE' realmente vissute che tanto mi piace raccontarvi; spero che abbiate gradito questa storia tanto avvincente, 
ricca di passione e di colpi di scena, 
vissuta tra le righe di quella ufficiale 
appartenente a quella della nostra Vecchia Europa.

Ringraziandovi ancora con tutto il cuore,
invio a voi tutti il mio più caloroso abbraccio,


a presto 💕










BIBLIOGRAFIA:

KATIA By PRINCESS MARTHA BIBESCO, Translated by PRISCILLA BIBESCO, William Heinemann Limited publisher, London, 1939.



CITAZIONI:

1 - KATIA By PRINCESS MARTHA BIBESCO, op. cit., pag.85







LINKING WITH: